Fin dal primo momento della presentazione del «Calendario Grandi Eventi Giubileo della Misericordia», avevamo esultato di gioia nel costare la provvidenziale coincidenza del «Giubileo dei Malati e delle Persone Disabili» con l'annuale «Memoria del Pio Transito del Venerabile Nicolino», ma mai avremmo pensato che questo venisse calato in un contesto di solennità e celebrazioni che ce lo hanno reso storicamente veramente memorabile.

Non ci dilungheremo molto nel testo, affidandoci con preferenza alla documentazione fotografica che mai come in questa occasione è fortemente eloquente.

 

Con Papa Francesco giovani studenti Camilliani

La Santa Messa sul sagrato di Piazza San Pietro, Presieduta dal Santo Padre, i giovani studenti camilliani hanno svolto il «Servizio Liturgico», con competenza ed emozionati al massimo.

La espressa richiesta di avere accanto all'Altare l'antica Sacra Icona della «Madonna Salute degli Infermi», esposta e venerata da 400 anni nella Chiesa di S. Maria Maddalena, con la dichiarata motivazione perché la «venerazione di questa icona mariana è rimandare  alla Misericordia di Dio, espressa attraverso la tenerezza di Maria che i religiosi camilliani coltivano e diffondono fin dall’inizio della fondazione dell’Ordine secondo lo spirito di San Camillo», oltre a offrire una motivata giustificazione di convocazione di «giovani speranze camilliane», dava a questi una carica spirituale ed emotiva superlativa.

Lasciamo "parlare le immagini"  accorpate nel "servizio fotografico" accessibile dal link posto «in calce», che si arricchisce anche da una accennata carrellata dedicata al coinvolgimento delle «Figlie di San Camillo», che nel «Giubileo dei Malati» hanno offerto la propria «professionalità» inserendosi nei settori di "Health Points" presenti nei vari ambiti dove si attuava il «Giubileo Straordinario della Misericordia».

 

«LII° Anniversario Pio Transito Venerabile Nicola D'Onofrio»

Come s'è accennato di già il 12 giugno 2016, "Anniversario del Pio Transito di Nicolino", ha avuto la provvidenziale coincidenza della celebrazione del «Giubileo dei Malati e delle Persone Disabili», e questo per ovvi motivi come è ogni anno dal 1964 coinvolge i suoi confratelli che ne custodiscono e  ne promuovono la «Memoria».

Stando alle linee che ci siamo dato, brevemente ne diamo un «rapido rapporto», attenendoci ai vari luoghi dove se ne è fatto il ricordo.

 

1. BUCCHIANICO

A. Sabato 11 giugno ore 19, Santuario San Camillo con celebrazione della Santa Messa e la discesa nelle adiacenze della Cripta per il tradizionale «Omaggio Floreale e Preghiera» dinanzi alla Tomba che ne custodisce i resti mortali che furono «Tempio dello Spirito Santo e lo guidarono alla Santità», meta continua di devoti che qui vengono a chiedere la sua intercessione presso il Trono dell'Altissimo.

Ormai entrata nella tradizione il «Pellegrinaggio a piedi da Villamagna» dei Concittadini del Venerabile Nicolino, guidati dal Parroco Mons. Ernesto Frani, e ricevuti all'entrata in Bucchianico dal Rettore del Santuario San Camillo, il P. Krystof Trebsy, seguendo quel percorso di vie interne attraverso i campi che da bambino Nicolino era solito percorrere per raggiungere il Santuario di San Camillo, come hanno deposto i Testimoni al «Processo di Beatificazione e Canonizzazione».

 

 

B. Domenica 12 giugno ore 17:30, - giorno anniversario del ritorno alla "Casa del Padre Celeste" -, Santa Messa tra gli Ospiti della «Casa Sollievo San Camillo», della "Congregazione Figlie di San Camillo", con Celebrazione del «Giubileo dei Malati e Persone Disabili», spiritualmente uniti a tutta la Chiesa.

Da una fonte d'informazione locale rileviamo che «Gli Ospiti assieme al Personale e Parenti hanno assistito alla Santa Messa celebrata del cappellano della casa Rev.do  padre Castaldo Vincenzo. Dopo la Messa gli anziani hanno ricevuto l'Unzioni degli infermi e hanno ricevuto la corona e le immaginette del Giubileo. Ringraziamo il Signore che ci da l'opportunità di poter essere a fianco a i nostri "Signori e padroni..." come giustamente gli chiamava San Camillo.»

 

2. ROMA

A. Domenica 12 Giugno 2016 - Quale luogo sacro della «Grande Celebrazione del Pio Transito» è stata preferita la «Basilica-Parrocchia San Camillo», nella Solennità del «Giubileo dei Malati e delle Persone Disabili», con la Celebrazione alle ore 11:30 della Santa Messa Presieduta dal Superiore Generale dei Camilliani, il P. Leocir  Pessini.

Motivazione di questa scelta, ci ha riferito il Parroco P. Luigi Secchi, Camilliano e Postulatore Generale, e che «NICOLINO fu una modello di “Guardia d'Onore al Sacro Cuore di Gesù" che in questo sacro luogo camilliano ha la Sede Centrale d'Italia. E poiché dai "Processi Canonici della Causa di Canonizzazione" il giovane studente camilliano, attento alle meditazioni dettate dalle sue guide spirituali visse intensamente la spiritualità che ne viene da questa "Pia Arciconfraternita", così da leggere nel suo "Diario Spirituale" queste decise posizioni del suo animo: 'Vicino al tuo Cuore divino, dimenticando ciò che passa, non avrò più paura del nemico. Gesù, dammi un posto nel tuo Cuore, ecco a te la mia ora di guardia giornaliera, e non voglio farmi sfuggire i piccoli sacrifici....»

 

B. Contemporaneamente nella Chiesa di "Villa Sacra Famiglia", dove il Venerabile Servo di Dio ha vissuto e ha donato a Dio la sua giovane esistenza, la «Memoria del Pio Transito» quest'anno in forma molto semplice e sommessa, veniva Celebrata con gli Ospiti della «RSA» locale, unendosi al «GIUBILEO dei MALATI» che in contemporanea era da Papa Francesco celebrato in Piazza S. Pietro.

Un devoto napoletano del nostro Venerabile ha chiesto di mettere per suo conto un «serto di rose rosse» sul letto dei suoi ultimi giorni.... e altra devota che si accendesse un lume per le sue intenzioni, lì dove Lui ha concluso la sua breve vita terrena.

A sera i giovani studenti camilliani impegnati nel «Servizio Liturgico» alla grande Celebrazione con Papa Francesco, hanno voluto ricordare il «Sereno e Santo Trapasso del Giovane Confratello» con una intensa "Ora di Preghiera e di Adorazione del Ss.mo Sacramento" nella Cappella dello Studentato.

 

Convegno Accademico del "Camillianum"

Nei giorni 24-25 maggio 2016, in vista del «Giubileo dei Malati», CAMILLIANUM, Istituto internazionale di teologia pastorale sanitaria incorporato alla Facoltà di Sacra Teologia  della Pontificia Università Lateranense, fondato e diretto dall'Ordine dei Ministri degli Infermi, ha celebrato il Convegno «Dio è Misericordia. Testimoni in nome di Dio», con un momento di  grande riflessione dedicato al giovane Venerabile Nicola D'Onofrio, che ovviamente risultava ben incastonato nell'alta e qualificata "tornata accademica", con titolo e tema «Testimoni dell’amore di Dio: San Camillo de Lellis, Nicola D’Onofrio».

Da segnalare la partecipazione significativa di S.E. Mons. Rino Fisichella Presidente Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione e del "Comitato Giubileo", con la lezione sul tema «La Misericordia divina oltre i confini della Chiesa: “La misericordia possiede una valenza che va oltre i confini della Chiesa” (MV 23)»

Promotori la Preside Prof. Palma Sgreccia, e il segretario dell'Istituto P. Michel Favi, camilliano, ai quali anche da questa pagina web va il nostro sentimento di gratitudine.

 

 

**  Alla documetazione fotografica:

§. Con Papa Francesco >> click

§. Bucchianico: sabato 11 giugno >> click

§. Bucchianico: domenica 12 giugno >> click

§. Roma: Basilica-Parrocchia San Camillo >> click

§. Roma: "Villa Sacra Famiglia" >> click

§. La "Salus Infirmorum, Sta Maria Maddalena, e San Camillo" >> click

§. Convegno Accademico del "Camillianum", con «Interviste AracneTV»  >>click

§. La presenza delle "Figlie di San Camillo" >>click